La Scienza di Memrise

Memrise si basa su 3 principi scientifici base

Codifica Elaborata

Memrise ti aiuta ad assimilare vividamente nuove informazioni, promuovendo la codifica profonda e valorizzando la tua memoria.

Impara di più

Test Coreografati

Fare test rafforza le tue memorie in vari modi.

Impara di più

Promemoria programmati

Spaziando i promemoria, imparare può diventare fino a 3 volte più efficiente.

Impara di più

Vieni a conoscere il nostro comitato consultivo


I ricercatori di fama mondiale che ti aiutano ad imparare più velocemente!

Prof. David Shanks

David Shanks dirige un team di ricerca alla University College London (UCL) il cui obiettivo è comprendere come nuove informazioni ed abilità vengano acquisite e conservate, e come la nostra conoscenza del mondo venga utilizzata quando prendiamo delle decisioni.

Più

Dott. Rosalind Potts

Ricercatrice e docente alla UCL, e Senior Lecturer alla Università di Westminster, Rosalind ha una laurea in lingue dell'Università di Oxford, ed un dottorato in psicologia della UCL.

Più

Impara di più sulla scienza di Memrise


Codifica Elaborata

La maniera più diffusa di imparare fatti, concetti, o parole è quella di leggere il materiale nella speranza che il nostro cervello lo registri automaticamente. Tuttavia, decenni di ricerca scientifica sulla memoria dimostrano che, in realtà, questo è un metodo di studio terribilmente lento ed inefficiente. Una delle spiegazioni principali è che questo metodo non stimola la codificazione elaborata, ossia la capacità di collegare ciò che stiamo imparando con ciò che già conosciamo.

Altro sulla codifica elaborata

Test Coreografati

Quando fai un test (home = ?) non solo valuti la qualità del tuo apprendimento, ma, in caso di successo, dai un'ulteriore spinta alla tua memoria. Fare test regolari è un mezzo estremamente efficace per rinforzare ciò che hai imparato e Memrise ottimizza questo processo testandoti frequentemente sulle informazioni apprese. I test sono utili anche quando credi di sapere qualcosa e sei in grado di ricordarlo facilmente.

Altro sui test coreografati

Promemoria programmati

Le memorie si indeboliscono con il tempo, per questo è cruciale programmare promemoria regolari. Un semplice ripasso (‘aburrido’ vuol dire ‘noioso’) va bene, ma è ancora meglio quando i ripassi comprendono test. Qual è la tempistica ideale per tali promemoria? Studi suggeriscono che i promemoria più efficaci sono quelli che accadono subito prima che una memoria svanisca del tutto, e che i promemoria successivi dovrebbero essere separati da intervalli di tempo sempre più lunghi.

Altro sui promemoria programmati

Letture consigliate


V. A. Benassi, C. E. Overson, & C. M. Hakala (Eds.) (2014). Applying the science of learning in education: Infusing psychological science into the curriculum. Sito della Società per l'Insegnamento della Psicologia: http://teachpsych.org/ebooks/asle2014/index.php

Bjork, R. A., Dunlosky, J., & Kornell, N. (2013). Self-regulated learning: Beliefs, techniques, and illusions. Annual Review of Psychology, 64, 417-444. http://bjorklab.psych.ucla.edu/pubs/RBjork_Dunlosky_Kornell_2013.pdf

Brown, P. C., Roediger, H. L., & McDaniel, M. A. (2014). Make it stick: The science of successful learning. Cambridge, MA: Harvard University Press.

Pashler, H., Bain, P. M., Bottge, B. A., Graesser, A., McDaniel, M. A., & Metcalfe, J. (2007). Organizing instruction and study to improve student learning (NCER Pubblicazione n. 2007–2004). Washington, DC: Centro Nazionale per la Ricerca sull'Educazione, Istituto di Scienze dell'Educazione, Dipartimento dell'Educazione degli USA. http://ies.ed.gov/ncee/wwc/pdf/practice_guides/20072004.pdf

Potts, R. & Shanks, D. R. (2014). The benefit of generating errors during learning. Journal of Experimental Psychology: General, 143, 644-667. http://discovery.ucl.ac.uk/1399515/1/RPottsLastRevision.pdf

Roediger, H. L., Putnam, A. L., & Smith, M. A. (2011). Ten benefits of testing and their applications to educational practice. In J. Mestre & B. Ross (Eds.), Psychology of learning and motivation: Cognition in education (pp. 1-36). http://psych.wustl.edu/memory/Roddy%20article%20PDF's/BC_Roediger%20et%20al%20(2011)_PLM.pdf