Level 1 Level 3
Level 2

Foscolo


51 words 0 ignored

Ready to learn       Ready to review

Ignore words

Check the boxes below to ignore/unignore words, then click save at the bottom. Ignored words will never appear in any learning session.

All None

Ignore?
1778
Nasce a Zante da padre veneto, Andrea, e madre greca, Diamantina Spathis, primo di quattro fratelli
1785
Si trasferisce con la famiglia a Spalato
1788
Muore il padre. Foscolo torna a Zante
1788
Inizia la Rivoluzione francese
1789
La madre si trasferisce a Venezia
1793
Foscolo raggiunge la madre a Venezia
1796
Foscolo si rifugia sui Colli Euganei
1796
Iniziano le conquiste napoleoniche in Italia
1796
A Padova conosce Melchiorre Cesarotti, traduttore dei Canti di Ossian
1797
Fa rappresentare al teatro Sant'Angelo di Venezia la tragedia "Tieste" di impianto alfieriano, composta nel 1795
1797
A Bologna, si arruola nelle truppe della Repubblica Cispadana
1797
Pubblica l'ode "A Buonaparte liberatore"
1797
Dopo Bologna torna a Venezia impegnandosi nel governo democratico
1797
Dopo il Trattato di Campoformio, con cui Venezia passa all'Austria, Foscolo fugge a Firenze e poi a Milano
1798
A Milano conosce Parini e Monti
1798
A Milano si arruola nell'esercito repubblicano
1798
A Bologna, prima redazione dell'"Ortis", stampata
1799
In Francia, colpo di stato di Napoleone
1801
Andrea Appiani dipinge il "Ritratto di Ugo Foscolo"
1801
Inizia l'appassionata relazione amorosa con Antonietta Fagnani Arese
1801
L'8 dicembre il fratello Giovanni si uccide per debiti di gioco, a vent'anni
1802
Sonetto "In morte del fratello Giovanni"
1802
Seconda versione dell'"Ortis"
1802
Ode "All'amica risanata", per Antonietta Fagnani Arese
1802
Inizia a comporre i Sonetti, che pubblicherà l'anno successivo
1803
Pubblica la raccolta "Poesie", comprendente due "Odi" e dodici "Sonetti"
1806
L'applicazione anche all'Italia dell'Editto di Saint Cloud sulle sepolture suscita lo sdegno di molti intellettuali
1807
Carme "Dei sepolcri", in dialogo con Ippolito Pindemonte ("I cimiteri")
1808
Grazie a Monti ottiene la cattedra di Eloquenza all'Università di Pavia
1808-11
Per il suo atteggiamento antinapoleonico si attira molte antipatie a Milano, tra cui quella di Monti
1809
In una lettera a Monti Foscolo parla del progetto di un inno alle Grazie
1811
Nella tragedia "Aiace" la figura del tiranno Agamennone sembra alludere a Napoleone. Le rappresentazioni sono sospese e Foscolo perde l'incarico di revisore degli spettacoli
1811-13
Foscolo soggiorna a Firenze
1811-13
Tragedia "Ricciarda", di ambientazione medievale
1812-13
Nella villa di Bellosguardo (Firenze), abbozza le "Grazie"
1814-17
Canova, gruppo marmoreo "Le Tre Grazie"
1813
A Lipsia Napoleone è sconfitto. Foscolo torna a Milano e rientra nell'esercito
1813
Pubblica la traduzione del "Viaggio sentimentale" di Laurence Sterne, che nella "Notizia intorno a Didimo Chierico" attribuisce a un fittizio alter ego
1814
Dopo l'abdicazione di Napoleone gli Austriaci entrano in Milano
1815
Dopo Waterloo, a Milano il generale Bellegarde gli offre di dirigere la rivista "Biblioteca italiana", ma Foscolo rifiuta
1815
Fugge da Milano e si rifugia in Svizzera
1815
l'"Ipercalisse", aspra satira contro i leteratimilanesi, in latino, ancora sotto lo pseudonimo di Didimo Chierico
1816
Terza revisione dell'"Ortis", a Zurigo
1817
Dalla Svizzera passa a Londra
1817
Quarta revisione dell'"Ortis", a Londra
1817
A Londra lavora al"Gazzettino del bel mondo", epistolare, incompiuto
1822
A Londra pubblica una "Dissertazione di un antico Inno alle Grazie", ma l'inno è e rimarrà incompiuto
1826
Nel saggio "Della nuova scuola drammatica in Italia" polemizza con la poetica romantica del vero, presente nelle tragedie di Manzoni
1827
Muore nel villaggio di Turnham Green, a 49 anni
1871
I suoi resti sono traslati nella chiesa di Santa Croce a Firenze
1800
Compone l'ode "A Luigia Pallavicini caduta da cavallo"